Un gigantesco grazie da (e di) Gomma

Gomma è stato assolutamente e totalmente come ce lo siamo immaginati: bellissimo.
E visto che quando abbiamo ringraziato i presenti al microfono abbiamo scelto il momento sbagliato perché eravate (quasi) tutti a girovagare per il Baraonda, vogliamo farlo adesso perché abbiamo ancora addosso l’adrenalina e la stanchezza che porta l’organizzare una due giorni nei minimi dettagli.
L’arrivare per primi e l’esser andati via per ultimi non ci è pesato minimamente, semplicemente perché intorno a noi ieri sera in chiusura c’erano ancora persone che parlavano convivialmente e ascoltavano la musica di quei pazzi stupendi di Cosimo e Francesco, nello strano tepore del nostro accogliente giardino.

L’idea di Gomma è venuta ad Andrea Vittone quasi un anno fa. Bevevamo una birra insieme e mi parlava di questo progetto che però in realtà non aveva ancora una forma ben precisa. Da qualche mese abbiamo messo impegno, dedizione, pazienza e un sacco di voglia in qualcosa che, per l’appunto, era semplicemente e solo un’idea, e stanotte tornando a casa ci siamo resi conto di quanto è bello creare qualcosa dal nulla.
Ogni persona che abbiamo invitato a far parte di Gomma piace a noi nella maniera più sincera e totale ed incontrare di persona artisti che seguiamo e conosciamo solo “su carta” è stato in primis bello ed emozionante per noi, insieme ad alcuni che abbiamo scoperto in questi due giorni.

A Gomma si è creata un’atmosfera di gioia diffusa che è durata per 48 ore. Abbiamo visto abbracci, sorrisi, intere famiglie aggirarsi tra i banchetti; abbiamo sentito (e fatto) discorsi legati ad un mondo che conoscevamo solo superficialmente (passatemi il termine), ma che ha al suo interno delle dinamiche particolari e un amore spropositato per il voler fare e il voler far bene.
Quello che però ho capito in questo week end (e non parlo solo della parte illustrativa, ma di tutto quel che c’è stato a Gomma) è che prima del voler fare e del voler far bene c’è una passione viscerale che porta alla creazione di qualcosa di unico, spontaneo, sincero.
Le immagini, la musica, le tematiche affrontate, i workshop, le chiacchierate, le risate spontanee, la fatica dell’allestire e l’orgoglio di come è andata saranno cose che ci porteremo dietro per un bel po’.

Quindi grazie prima di tutto al Csa Baraonda, che oltre ad essere uno spazio stupendo è un centro sociale fatto di forti ideali che vivono grazie alla fatica delle persone che ci lavorano (Rino, la tua pizza è una delizia indescrivibile); grazie ai nostri fonici Antonio Alberico e Michele Accardo per i mille fili e l’ottima qualitá del suono; alla nostra fotografa Rula e a tutti coloro che spontaneamente sono venuti a fotografare il nostro allegro delirio. Grazie a tutti i musicisti per la bella musica che abbiamo ascoltato, ai banchetti pieni di cose belle, ad Alessia Di Giovanni per la chiacchierata su di un tema importante quale è l’aborto, a coloro che hanno dedicato il proprio tempo nel fare i laboratori e gli workshop e a tutti tutti tutti gli illustratori per le immagini evocative, le pacche sulle spalle, i complimenti e gli abbracci sinceri.

Grazie a voi che siete passati (alcuni li abbiamo addirittura visti sia sabato che domenica), ai brindisi, al sole in faccia, alla coesione spirituale e all’affetto che si è respirato. Si rideva prima dell’inizio di Gomma e ci prendevamo in giro sul numero di partecipanti confermati su Facebook. Piú di 800, ma a quanto pare siete passati quasi tutti.

Grazie soprattutto ad Andrea Vittone perchè gli sono venute in mente delle idee clamorose ed ha costruito, organizzato, risposto a mille domande ininterrottamente per tutta la durata del festival, a Maristella De Paoli (la nostra Mario) per l’aiuto totale e completo in tutto quanto (e anche per aver fatto la driver, ma sempre con gioia), al nostro Sime perchè non poteva creare illustrazione piú bella per Gomma e alla Fra che si è subita le nostre mille conversazioni ed ha creato la grafica per i nostri flyer e i nostri manifesti.

Stasera noi andiamo a festeggiare l’inaspettato (ma sperato) successo, se volete unirvi a noi faremo molteplici e fragorosi brindisi alla nostra e, ovviamente, alla vostra.

Gomme

Con affetto
Sara Teofilo
(e tutto il Gomma festival)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...